fbpx

Il muro di Berlino cade. In un altro continente, un misterioso paziente si risveglia da uno stato comatoso durato due anni. È letteralmente e inspiegabilmente ossessionato da Berlino. La sua fuga dall’ospedale lo catapulta in un’avventura onirica in cui il passato si fonde con il futuro in modo grottesco e paradossale. Il tempo, lo spazio e la logica vengono centrifugati in loop, trascinando il lettore nella subdola vita di Berlino Ovest: il muro onnipresente, i bar per travestiti e il sadomasochismo.
Come Franz Kafka o Italo Calvino con la loro mescolanza di reale e surreale, o come in un viaggio psichedelico sotto effetto di stupefacenti, Mirolla, abile narratore, manovra una rete complessa e poliedrica di verità, bugie, dolori e gioie, arrivando persino a mettere in discussione il senso stesso dell’esistenza.

L’autore:

Michael Mirolla è nato in Italia e cresciuto a Montréal. Attualmente vive in Ontario. È autore di una serie di romanzi, sillogi poetiche, raccolte di racconti e opere teatrali. Ha vinto per tre volte il “Bressani Literary Prize” e con il romanzo Berlino è arrivato in finale all’“Indie and National Book Awards”. Il suo racconto A Theory of Discontinuous Existence è stato pubblicato all’interno del volume The Journey Prize Anthology; mentre il racconto The Sand Flea è stato candidato al “Pushcart Prize”. Berlino è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.

Rassegna Stampa:

MEMENTOLEGERESEMPER (6 novembre 2020)

DOWNTOBAKER (12 ottobre 2020)

 

Titolo: Berlino

Autore: Michael Mirolla

Traduzione: Gaia Giaccone

Collana: Specchi

ISBN: 978-88-9333-180-7

Pagine: 264

Prezzo di copertina: Euro 16,00

ACQUISTA
X